Auguri per il nuovo anno

Spread the love

In ritardo, ma so che mi perdonerete, rubo le parole ad un poeta, un poeta dell’anima: Jaques Brel. E’ il suo augurio per il 1968, ascoltate la registrazione qua sotto. Tra le parole chiave c’è sogni, non se ne può fare a meno, tanto meno adesso.