Omaggio ad Achille Campanile

Spread the love

Mio padre lo adorava perché era un maestro nel gioco di parole applicato alla comicità. Un amico mi ha inviato due pilloline per ricordare questo artista poliedrico. Intanto la prima:

DUE PAROLE (l’ispirazione proviene da “Tragedie in due battute” del maestro Achille Campanile). 22 novembre 2011 alle ore 09:16 (Prima teatrale, serata delle grandi occasioni, presenza del pubblico abituale e delle consuete autorità). ANFITRIONE: “Ora il signor sindaco (assessore, prefetto, provveditore eccetera) salirà sul palco per dire due parole!” Applausi. Il sindaco (assessore, prefetto, provveditore eccetera) declina l’invito, poi cambia idea e guadagna lestamente il palco. S’avvicina al microfono, si schiarisce la voce e, scandendo con sussiego le sillabe, pronuncia:”Due parole..”. Silenzio. Poi applausi, da far tremare il teatro.
Antonio Costa Barbé
Per chi volesse
avere un ritratto di questo indimenticato giocatore di parole segnalo questo raro video https://www.youtube.com/watch?v=T00dWSPVRyM